Vini del Nuovo Mondo: degustazione verticale di Cheval des Andes
925
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-925,bridge-core-3.1.3,qi-blocks-1.2.6,qodef-gutenberg--no-touch,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.6.9,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-30.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode-portfolio-single-template-1,wpb-js-composer js-comp-ver-7.3,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-16

Vini del Nuovo Mondo: degustazione verticale di Cheval des Andes

Categoria
Food & Wine Experience
Tags
Vino
Descrizione

Per Cheval des Andes, nella elegante cornice del Ristorante Hidalgo a Postal (BZ), vero e proprio tempio della cultura del bere e del mangiare, Rossi&Bianchi ha curato l’organizzazione di una cena di degustazione verticale con alcune tra le annate più significative. Perla unica tra i vini del nuovo Mondo, Cheval des Andes nasce in Argentina alle pendici delle Ande da un Gran Cru elegante e raffinato.

In questi vini si fondono l’antica sapienza dei produttori di una delle zone più prestigiose del Bordeaux e l’eccellenza di un territorio famoso per i suoi vigneti d’alta quota. È verso la fine degli anni ’50, infatti, che Moët & Chandon, consapevole delle interessanti potenzialità del territorio sudamericano, decide di inviare uno dei suoi migliori enologi, Renaud Poirier, a testare le diverse aree del nuovo continente per la produzione di vini spumantizzati.

Successivamente, avviene l’incontro con la leggendaria Maison bordolese di Château Cheval Blanc, che da vita a una nuova produzione, Cheval des Andes, impreziosita dall’opera di Pierre Lurton, già enologo di Château Cheval Blanc.