FacebookTwitterIstagram
23 Novembre 2022

La Campania del vino rosso parla anzitutto di Campi Flegrei e Piedirosso

Napoli ed il mondo flegreo sono uniti da una medesima condizione: il conservare, a dispetto della modernità, un’irriducibile anima arcaica e l’essere continuamente fatti oggetto di saccheggio, degrado e barbarie. Ma vivere qui, significa stare in contatto con stimoli creativi forti. Per me è come ascoltare improvvisi echi, farsi portare per mano dal sortilegio“.

Queste sono parole non mie ma di un poeta e antropologo che nei Campi Flegrei ci è nato, ci ha vissuto e lavorato e li ha amati visceralmente, come Michele Sovente. In questa terra ardente anche la vite ha messo radici nel mito e nel tempo, e trovato uno spazio e una dimensione che gli ultimi assaggi ci stanno chiarendo essere sempre più importante e rappresentativa. 

Nell’ultima edizione dell’ottimo Campania Stories, mi sono completamente innamorato di questa affascinante forza mistica e sensuale dei Campi Flegrei e del vitigno che secondo il mio gusto ne rappresenta l’essenza e la forza: il piedirosso.

Il vitigno nel nome richiama colorazione rossastra che prendono rachide e pedicello in maturazione, simili proprio alle zampe dei palombi. È chiamato infatti anche palombina nera o per’ e palummo.

Il piedirosso dei Campi Flegrei è teso, nervoso e dinamico, scattante e flessibile, plastico e materico. Un vino incisivo e essenziale che dimostra una forza e una vitalità che mi ha totalmente affascinato, con un retroterra in cui acqua, storia, mito e fuoco si mescolano. Dove il blu del mare incontra il rosso del fuoco e il giallo biancastro sulfureo, e dove le rocce piroclastiche, le ceneri, i lapilli e le pomici hanno creato terreni sabbiosi dove anche la fillossera è stata impotente di fronte al mito e alla storia di questi magici luoghi. Un vino che regala stimoli forti e che come una improvvisa eco ci prende e ci porta per mano tra i sortilegi di questa terra mistica e incantata.

Agnanum – Sabbia Vulcanica s.a.
Dolcezza rustica, carezza e sangue. In bocca intriga, entra potente e suadente. La frutta fresca è il filo e il finale tattile e espansivo è magno. 92

Cantine Carputo – Per e Palummo 2021
Sapori vinosi, prugna, succo e spezia. Ingresso e beva agilissimi. 89

Cantine del’Averno – Campi Flegrei Piedirosso 2021
Naso dove la frutta emerge con speziatura dolce nel finale verde. 87

Bosco De’Medici – Pompeii 2021
Naso giovane, fresco e boschivo. La bocca rustica e verde con tannino polveroso. 88

Astroni – Colle Rotondella 2021
Naso intrigante di spezia dolce e frutta croccante. In bocca ingresso deciso con bel tannino e acidità. 88

Martuscello Salvatore – Settevulcani 2021
Fumè, prugna succosa, mentolato. In bocca entra largo con un tannino ruvido e elastico. 87

Portolano Mario – Piedirosso 2021
Stile di sostanza e materia che lascia però il campo alla beva plastica. La bocca è piena e corposa ma mantiene una dinamica profonda e lunghissima. 92

Agnanum . Per’ e’ Palummo 2021
Un vino dirompente che cresce nella bocca e lascia la voglia di tornare. 93

Farro – Campi Flegrei Piedirosso 2020
Naso di rovo e spezie. In bocca spinge bene sui tannini. 88

Mustilli – Piedirosso 2020
Non campi flegrei e si sente nelle morbidezze più accoglienti anche in bocca con meno spigoli e più elasticità ma forse meno carattere. 87

Cantine del Mare – Terrazze Romane 2020
Naso di frutta semplice e bocca amaricante. 85

Casa Setaro – Fuocoallegro 2020
Ematico e forse troppo tecnico. 87

La Sibilla – Vigna Madre 2019
Salmastro al naso. In bocca cala di intensità. 87

Mustilli – Artus 2019
Naso di frutti di rovo con tannino delizioso. 88

Galardi – Terras di Rosso 2018
Sia a naso che in bocca merlotteggia, ma non lo capisco. Un vino ottimo ma non sembra piedirosso. 90 per il vino in generale ma 88 in questa batteria.

Cantine del Mare – Sorbo Rosso 2018
Naso gamayco e speziatura mediterranea. Rovo e bacche. In bocca agilissimo e elegante. 92

Contrada Salandra – Piedirosso 2018
Umile, composto ma ricco di emozione, profuma di rose e di propoli. In bocca ha un suo equilibrio straordinario. 94

Astroni – Tenuta Camaldoli 2017
Cupo, intenso e materico con note boschive dense e blusalmastro, ridotto. 86

[La foto panoramica è di Marina Sgamato]

Generated by Feedzy