FacebookTwitterIstagram
8 Febbraio 2022 admin

Intravino Communication League: Quarti di Finale

Le cose iniziano a farsi serie. 441 risposte ci portano ai Quarti di Finale e solo 8 divulgatori rimangono in lizza a giocarsi il titolo di Divulgatore del vino (in lingua italiana) preferito dai lettori di Intravino.

Risultati degli Ottavi – Le sfide più agguerrite

La sfida più agguerrita è quella tra Sandro Sangiorgi e Carlo Macchi. Il fondatore di Porthos da un lato, dall’altro il fondatore di Winesurf, e i due, a dirla tutta, fisicamente si assomigliano pure.
Sangiorgi, classe 1962, è più giovane di 5 anni di Macchi, ma ha iniziato prima il suo percorso nel mondo del vino, diventando sommelier nel 1981. Dopo l’attività con SlowFood fonda Porthos nel 1999 e contribuisce all’affermazione del filone “naturale” in Italia.

Macchi, come dice lui, “entra nel campo (appena seminato) dell’enogastronomia nel 1988”. Inventore e curatore della guida Vini buoni d’Italia fino al 2005, oggi è direttore di winesurf.it.
I due se la sono giocata tutta la settimana in un continuo testa a testa. Alla fine l’ha spuntata Sangiorgi 225 a 216.
L’onore delle armi a Carlo Macchi, ma è Sangiorgi che passa la turno successivo, dove se la vedrà con il vincitore dell’altra grande sfida di questi Ottavi, quella tra Daniele Cernilli e Leonardo Romanelli.

Daniele Cernilli è uno dei fondatori del Gambero Rosso (per la cui guida dei vini oggi proprio Romanelli è redattore). Ne è stato l’anima romana, geniale nell’ideazione di quei 3 Bicchieri che hanno segnato davvero un’epoca importantissima per il vino italiano tutto.

La fine dell’esperienza al Gambero arrivò nel 2011 e fu segnata da una vicenda di cui si occupò anche Intravino (vi fu allora un eccesso di sarcasmo da parte del Direttore Antonio Tomacelli – al quale mandiamo un abbraccio sincero), tanto che poi quando poco dopo sempre Intravino ebbe a pubblicare un post dal titolo: “Conflitto d’interessi reloaded, quanto è affidabile una guida che premia per quattro volte il suo editore” … la fine che fece quel post potete vederla qui).

Cernilli ripartì dando vita a Doctorwine e relativa guida (peraltro ideando anche quel sistema, a suo modo mutuato dal disvelamento della classifica di Wine Spectator, ma comunque interessante, di annunciare i vini più alti nella sua classifica punteggio per punteggio). Di tutte le sue varia iniziative in CV, tuttavia, per me la più mirabile rimane la tesi in filosofia teoretica discussa con Guido Calogero (e se non sapete chi fu Guido Calogero, le bestie siete voi).

Leonardo Romanelli “una vita con le gambe sotto al tavolino”, ma anche tra i banchi di scuola (professore amatissimo di un celebre istituto alberghiero di Borgo San Lorenzo) e davanti a telecamere varie. Le ultime sono quelle del programma di RaiTre “Geo”. Main vita sua Romanelli ha trattato di vino e cibo in tante di quelle forme, canali e occasioni (Intravino compreso) che invece di farvene un sunto, vi fornisco un link.
I due se la giocano davvero per un pugno di voti, ma è Romanelli a spuntarla al fotofinish e quindi sarà lui a sfidare Sangiorgi.

Gli altri risultati

Giampaolo Gravina supera Fabio Giavedoni più o meno con lo stesso margine con cui Andrea Gori supera Alessandro Torcoli. Armando Castagno, dopo un iniziale e sorprendente svantaggio nei confronti del giovane Nelson Pari, si rifà con gli interessi e allunga facendo segnare il record di voti di questo turno (284). Bella sfida anche quella tra Alessandro Masnaghetti e Fabio Pracchia (uno di quelli che personalmente avrei votato fino alla finale), che vede la vittoria finale del “Masna”.

No, non solo uomini

Due donne erano arrivate agli Ottavi e due donne proseguono ai Quarti. Si tratta di Federica Randazzo e Chiara Giovoni vincitrici rispettivamente delle sfide con due big del calibro di Ernesto Gentili e Antonio Boco.
Devo essere sincero nel dire della selezione delle donne che ho inserito nel gruppo dei 32 iniziali per questa Intravino Cup dedicata ai divulgatori in lingua italiana.

Ho volutamente tenuto molto bassa la rappresentanza femminile, perché se avessi inserito i nomi di altre donne – che pure ci sono e sono parecchio in gamba – avrei dato l’idea di un mondo della comunicazione del vino, in Italia, in cui le donne hanno un ruolo preminente o almeno paritario in confronto ai colleghi maschi. E se lo avessi fatto … avrei rappresentato qualcosa che non esiste.
Tuttavia pensavo anche che la cosa mi sarebbe stata fatta notare. Anzi, lo speravo, per poter dire “avete ragione”. Ma non è successo. Non so se sia per indifferenza, rassegnazione o forse perché va bene così.

I Quarti e i risultati in dettaglio
Abbiamo preparato questo tabellone per voi, così da mostrarvi facilmente come si strutturano le prossime sfide e quelle a seguire in vista della finale. Inutile aggiungere molto altro.

      Su questo link trovate i risultati dei precedenti ottavi di finale

Mentre, per votare le sfide dei Quarti di Finale, non vi resta che cliccare sull’immagine del tabellone sottostante. Ricordatevi che si vota fino a venerdì alle ore 20.00 (circa) e che ci vediamo qui martedì prossimo con i risultati e le semifinali!

Generated by Feedzy